Privacy Policy Lo Spazio di M - Il blog di Marina Tana - L'Hanami e il cielo blu di Roma

L’Hanami e il cielo blu di Roma

by Lo Spazio di M
Hanami a Roma - dettaglio della fioritura dei ciliegi all'EUR

L’Hanami, si sa, si può godere anche a Roma con l’arrivo della Primavera, guardando all’insù verso il cielo blu in alcuni luoghi particolari della Città Eterna. 

Come in Giappone, il periodo esatto della fioritura non è mai certo, varia di anno in anno ed è molto breve: dura circa due settimane e solitamente cade tra la seconda metà di Marzo e le prime due settimane di Aprile.

Il luogo solitamente preferito per godere di questo meraviglioso spettacolo è il comunemente detto Laghetto dell’EUR  (qui), un parco progettato nel 1936 e realizzato solo nel dopoguerra nel moderno quartiere dell’EUR a sud di Roma, caratterizzato da un grande lago artificiale. 

Nel lato Sud del parco, si trova la Passeggiata del Giappone, una strada pedonale dove sono piantati molti dei numerosi Sakura, i ciliegi giapponesi da fiore, donati nel 1959 dal primo ministro giapponese Nobusuke Kishi in visita ufficiale in Italia.

Il bianco candore e il rosa delicato dei fiori di ciliegio contro il blu intenso del cielo di Roma sono un connubio perfetto.  Gli appassionati di cultura nipponica e gli amanti della natura si ritrovano da più di cinquant’anni al Laghetto per godersi la fioritura dei ciliegi, spesso sedendosi sotto gli alberi, come si fa in Giappone, per goderne appieno.

Sakura Tea, the ai fiori di ciliegio in Giappone

Una piccola curiosità: in Giappone si beve il Sakurayu, il thè di Sakura. Questa bevanda calda viene preparata conservando i fiori di ciliegio in sale e aceto di prugne

Il suo gusto salato è comune in Giappone e il thè viene spesso utilizzato per celebrazioni e occasioni speciali. 

L’ho assaggiato e devo ammettere che il suo gusto è decisamente unico!

 

L’EUR non è l’unico posto dove è possibile godersi l’Hanami. 

Nel quartiere Parioli, in via Panama (un tempo via del Giappone) è possibile ancora ammirare i ciliegi donati dall’imperatore Hirohito in visita in Italia nei primi anni Venti.

Presso l’Istituto Giapponese di Cultura c’è un giardino di bellissimi Sakura

Non ultimo, presso l’Orto botanico si trova un Giardino Giapponese realizzato negli anni Novanta dall’architetto Ken Nakajima, in cui è possibile partecipare a delle visite guidate.

DOVE HO MANGIATO (BENE) 

Sono di parte, lo ammetto, perché sono affezionata a questi due posti avendo passato qui molte pause pranzo dal lavoro:

  • Bistrot 4.5: locale piccolo e accogliente, dal menu vario e  dall’ottimo rapporto qualità-prezzo. I piatti del giorno sono sempre deliziosi (specie i primi di pesce). Prenotare tassativamente all’ora di pranzo!
  • La fisheria: non è comodissimo da raggiungere a piedi dal laghetto, lo raccomando però se avete voglia di pesce e soprattutto di trattarvi bene spendendo un pò.

You may also like

Lascia un commento